sabato 8 maggio 2010

IL DELFINO DI BRESCIA: L'Italia cinica delle trame e il generale dei Carabinieri


07/05/2010 Da: giovanepravda su /isintellettualistoria2.myblog.it 

IL DELFINO DI BRESCIA
di Sandro Provvisionato
Mentre si celebra nel silenzio totale il processo per la strage di Brescia, noi qui raccontiamo la vera storia del generale Francesco Delfino, la cui carriera ha attraversato tutti i buchi neri del Paese, dall’eversione alle stragi, dal terrorismo alla mafia, dai sequestri della ‘ndrangheta a quelli dell’Anonima sarda.

Se non fosse per l'eccezione (peraltro doverosa) di un giornale locale, oltreché dell'Ansa, di un processo in svolgimento da cento udienze non sapremmo nulla, ma proprio nulla. E' il processo che si celebra ben 36 anni dopo il fatto: la strage avvenuta in piazza della Loggia a Brescia il 28 maggio 1974, durante un comizio sindacale, che provoco' 8 morti e 94 feriti.
Per la verità si tratta del settimo processo, originato da una terza istruttoria. Occorrerebbe più spazio di questa rubrica per analizzare la rimozione generale che contraddistingue questa strage di marca neofascista, ma con evidenti e chiarissime implicazioni dei corpi dello Stato ed in particolare dei carabinieri.
L'importanza di questo processo che - lo dico con indignazione - quasi certamente, anche questa volta, non porterà ad alcuna condanna (il troppo tempo passato c'entra eccome) sta nell'emergere dalle tante testimonianze di uno spaccato d'Italia che continua a restare sconosciuta: l'Italia cinica delle trame in cui ad uno sgangherato gruppetto di militanti di estrema destra si affiancarono uomini di rilievo dei servizi segreti della Repubblica, una divisione interamente piduista dei carabinieri, la divisione Pastrengo, e perfino agenti venuti da oltreoceano.
Sul banco degli imputati siedono cinque persone: gli ordinovisti Delfo Zorzi e Carlo Maria Maggi, gia' condannati in primo grado e poi assolti per la strage di piazza Fontana di tre anni e mezzo prima; Pino Rauti (suocero del sindaco di Roma Gianni Alemanno), gia' segretario del Msi-dn; Massimo Tramonte, il “pentito” di Ordine nuovo poi pentito di essersi pentito, ed il generale a riposo Francesco Delfino, gia' implicato in mille storiacce di mafia e terrorismo e condannato poi per estorsione del suo amico Giuseppe Soffiantini, vittima di un sequestro, legato ai vertici piduisti che guidavano all'epoca la divisione dei carabinieri Pastrengo.
E' su quest'ultima figura di “uomo dello Stato” che vorrei fermare l'attenzione.
Chi e' Francesco Delfino? Quando all'inizio degli anni Ottanta cominciano i “regolamenti di conti” all'interno delle mura carcerarie tra le prime vittime c'e' il militante nero Ermanno Buzzi. Un altro nero, Pierluigi Concutelli, assassino del giudice Occorsio, il 13 aprile 1981, assieme a Mario Tuti si incarica di strangolare con i lacci delle scarpe proprio Buzzi, maggior imputato della strage di Brescia. Buzzi era stato tirato in ballo da un suo camerata, Angelino Papa, a sua volta “gestito” da un controverso ufficiale dei carabinieri, un militare assai spregiudicato: proprio il generale Francesco Delfino.
E' infatti il capitano Delfino che, il 6 marzo 1975, a quasi un anno dal massacro, raccoglie le prime parole di un neofascista bresciano, Angelino Papa, una specie di “pentito” ante litteram, che della strage accusa se stesso e il suo camerata Ermanno Buzzi. Condannati entrambi in primo grado, verranno assolti in appello sette anni dopo quando Buzzi e' gia' stato assassinato.
Il 18 aprile 1978, nel corso di un'udienza dibattimentale, Papa ritratta, accusa, autoaccusa e dichiara: «Il capitano Delfino mi chiamò in disparte e mi disse: “Noi sappiamo che Buzzi c'entra con la faccenda della strage; se tu ci dai delle notizie, se collabori, per te c'e' un regalo di 10 milioni. Per chi dà notizie c'e' questo regalo. Ti assicuriamo che ti terremo in disparte, non preoccuparti, tu esci”. Io dicevo che non sapevo niente di questo fatto. Il capitano Delfino mi disse che dovevo confermare quello che mi dicevano i magistrati se volevo salvarmi».
Interrogato in merito, il capitano Delfino ribatte: «Angelo Papa era tutto rosso in faccia e continuava a bestemmiare ed imprecare. Gli dissi: Cosa bestemmi a fare? Se anche ti promettessi di farti scappare, se anche ti promettessi 10 milioni, cose del tutto impossibili, tu non risolveresti il tuo problema”». Insomma, nessun tentativo di subornazione di teste. Per Delfino è il povero Papa che scambia il condizionale per il presente.
Facciamo ora un passo indietro di due anni. E’ il 22 marzo 1976. L'azione si sposta alla Stazione Centrale di Milano. Un gruppo di carabinieri in borghese si muove lungo il binario 8 dove è in arrivo il rapido Venezia-Milano-Torino delle 21.30. Aspettano che dal treno scenda un brigatista rosso, Giorgio Semeria, tra i fondatori delle Br, di cui probabilmente è diventato il nuovo capo dopo l'arresto di Renato Curcio.
Semeria scende dal convoglio e viene immobilizzato. Poi un brigadiere gli spara, uno strano colpo al fianco che dovrebbe trapassargli entrambi i polmoni e farlo morire soffocato dal suo stesso sangue. E' la stessa tecnica usata per uccidere la moglie di Renato Curcio, Mara Cagol. Il militare si giustificherà dicendo che il terrorista stava per estrarre una pistola dalla tasca. Peccato che l'arma, una mastodontica Smith e Wesson che non può stare in alcun tipo di tasca, Semeria l'avesse nella cintura ancora al suo arrivo in ospedale dove, grazie al tempestivo intervento dei medici, per puro miracolo, si salva.
I carabinieri sono così convinti che Semeria sia morto che quando si accorgono del contrario si precipitano in ospedale nel tentativo di portarselo via, ma si scontrano con l'intransigenza dei sanitari. Quei carabinieri finiscono sotto inchiesta per tentato omicidio. A comandarli era sempre lui: Francesco Delfino.
Piccoli incidenti di percorso che non impediscono all'ufficiale brillante carriera.
Nel 1981 lo ritroviamo in Libano, nelle file del Sismi, con il grado di colonnello, al fianco di un altro colonnello più famoso di lui, Stefano Giovannone, l'uomo fidato di Aldo Moro, esponente in prima linea della politica filoaraba di una parte almeno dei governi italiani dell'epoca. Ed è così che il nome di Delfino finisce negli atti dei magistrati della procura di Bologna che indagano sulla strage alla stazione del 2 agosto 1980 nel capitolo dedicato alla cosiddetta “pista libanese”, un altro clamoroso depistaggio del servizio segreto militare italiano.
Dopo il Libano, per Delfino arriva un lungo soggiorno negli uffici di New York del servizio, prima di tornare in Italia nel 1987, generale dei carabinieri, questa volta a interessarsi di mafia. Viene inviato a Palermo come vicecomandante della Legione. Vi rimane qualche anno per poi tornare al nord.
Ed è al nord qui che, guarda caso, a Delfino capita tra le mani Baldassarre Di Maggio, detto “Balduccio”, il grande accusatore di Andreotti, l'uomo che racconterà del bacio tra il più volte presidente del Consiglio e il capo di Cosa nostra, Salvatore Riina. Il 9 gennaio 1993 Balduccio confida a Delfino come fare per catturare il boss dei boss, Totò Riina. Il 15 gennaio Riina viene catturato ma in realtà, oggi sappiamo, su soffiata di Provenzano, tramite Vito Ciancimino. Poco dopo Delfino riceve un avviso di garanzia: diversi “collaboratori di giustizia” lo indicano come “referente” di Antonio Nirta, ‘ndranghetista, tra i boss più importanti dell'organizzazione criminale insediata nel milanese. Secondo il “pentito” Morabito, Nirta era addirittura in via Fani il giorno dell'agguato ad Aldo Moro e alla sua scorta.
Ma, stranamente, tutto finisce nel nulla: i riscontri alle dichiarazioni dei “pentiti” non si trovano. Come non si trovano riscontri ad un'altra accusa: l'unico brigatista ancora oggi latitante del commando che entro' in azione in via Fani, Alessio Casimirri, riparato in Nicaragua, avrebbe parlato del sequestro di Moro proprio a Delfino il 14 marzo, due giorni prima che il rapimento avvenisse realmente.
Ma la tegola piu' grossa casca sulla testa di Delfino qualche anno dopo. La procura di Brescia lo accusa di concussione ai danni dei famigliari di Giuseppe Soffiantini, un imprenditore sequestrato il 17 giugno 1997 e rilasciato dopo otto mesi.
Furono i Soffiantini a consegnare al generale Delfino 800 milioni delle vecchie lire per ottenere la liberazione del loro congiunto. L'Arma lo sospende dal suo incarico.
Il 10 aprile 1998, nella villa di Meina (Novara) del generale Francesco Delfino, vengono trovati 30 milioni e le due valigie che avevano contenuto l'intera somma. Quattro giorni più tardi il generale viene arrestato. Comincia per lui un lungo iter giudiziario che si concluderà il 23 gennaio 2001 quando la Cassazione rende definitiva la sua condanna a tre anni e quattro mesi di reclusione per truffa aggravata.
Ha scritto Gianni Barbacetto: «La storia di Delfino e' la storia degli incubi della Repubblica. La sua carriera ha attraversato tutti i grumi oscuri del Paese, dall'eversione nera alle stragi, dal terrorismo rosso alla mafia siciliana, dai sequestri di persona della ‘ndrangheta calabrese fino a quelli dell'Anonima sarda».
Finora dal processo il ruolo di Delfino e' emerso pienamente come depistatore e subornatore di testi.
Nell'udienza del 1 ottobre 2009 a parlare del generale è stato l'avvocato Aldo Tedeschi, all'epoca dei fatti difensore di Ermanno Buzzi. Negli atti della prima istruttoria sulla strage - ha raccontato Tedeschi - c'era un documento in cui si riferiva di una riunione in cui si decise che si sarebbe dovuto “costruire un colpevole”.
A quella riunione, secondo il teste, parteciparono «ll pubblico ministero Francesco Trovato, l'onorevole missino Giorgio Pisanò e l'allora capitano dei carabinieri Francesco Delfino il quale avrebbe detto: “Io ho la persona giusta che puo' fare da capro espiatorio, bisogna solo lavorarla ai fianchi”».
Come Delfino cercò di “lavorare ai fianchi” Buzzi lo abbiamo visto. Ma c'è anche un altro testimone che accusa il generale. E' Ombretta Giacomazzi, oggi 53enne, che all'epoca della strage aiutava i genitori nella pizzeria Ariston, ritrovo di neofascisti. Nel 1975 Ombretta, che in seguito ha sposato un figlio di Soffiantini, venne arrestata con l'accusa di falsa testimonianza. Rimase in carcere per otto mesi e qualche giorno fa al processo ha raccontato delle «pressioni subite allora per coinvolgere persone che non hanno avuto alcun ruolo nelle vicende da me narrate. Avevo 17 anni e il capitano Delfino mi diceva “se parli esci, altrimenti l'accusa passa da falsa testimonianza a concorso in strage”». Cosi' la donna rilasciò delle dichiarazioni false.
Nella strage di Brescia chi ha voluto coprire il generale Francesco Delfino?

8 commenti:

  1. KND Digital: Our high qualified personnel take care about you and your business when it comes to web development for Brisbane market. We are providing to our clients web development services in order to attract viewers, to help them promoting their products or services. To succeed in offering web development to the customers in Brisbane, we use all our resources and all our skills.
    web design Brisbane
    Brisbane web design
    seo brisbane
    ecommerce Brisbane
    social marketing Brisbane
    web development Brisbane
    Magento developer brisbane
    content marketing Brisbane
    http://www.knd.com.au

    Logintrans: Schimburi de informatii despre firmele de transport, expeditie, productie si comert.
    Bursa de marfuri
    Bursa transport
    Marfa
    Transport
    Transport international
    Transport marfa
    Transport rutier
    Expeditie
    Logistica
    Casa expeditie
    http://www.logintrans.ro

    RispondiElimina
  2. Expert Training va ofera o gama variata de cursuri acreditate si cursuri calificare. Va asteptam.
    curs calificare
    inspector resurse umane
    cursuri acreditate
    Curs calificare inspector resurse umane
    http://www.experttraining.ro

    BRISBANE GIRLS GRAMMAR SCHOOL is considered the best girls school Brisbane. We offer a proper education and help to the girls to become the future ladies of the society. The students have access to the information that the best girls school Brisbane assures. Our students will have the opportunity to develop their skills in one of our clubs and this is characteristic which make us the best girls school Brisbane. One of the benefits that best girls school Brisbane provides is the growth of students in academic and personal life.
    best girls school Brisbane
    independent schools in Brisbane
    private girls schools
    private girls schools in Brisbane
    Private schools in Brisbane
    top high schools in Brisbane
    http://www.bggs.qld.edu.au

    RispondiElimina
  3. Considering that clients are our most valuable assets, we are putting our best effort in offering them the services of our specialized franchise lawyers. The Franchise lawyers that Redchip has are experienced and well trained to take good care of your business. The franchise lawyer will act in your best interest even if it is just an advice or an entire process.
    brisbane lawyers
    lawyers brisbane
    commercial disputes
    commercial litigation
    franchise lawyer
    property lawyer brisbane
    commercial lawyer Brisbane
    dispute resolution brisbane
    estate planning brisbane
    asset protection brisbane
    tax lawyer brisbane
    business structuring brisbane
    commercial disputes brisbane
    franchise solicitor brisbane
    commercial litigation brisbane
    http://www.redchip.com.au

    RispondiElimina
  4. Shineclinic: Aging is a problem for all of us, and when the lotions do not accomplish their goals we go further. This means using a dermal filler treatment. There is nothing shameless in doing it. Everyone does the dermal filler no matter if they are men or women. We all want to feel go
    Microdermabrasion
    Dermal fillers
    Skin Clinic Brisbane
    Botox Brisbane
    cosmetic clinic Brisbane
    clinic Brisbane
    http://www.shineclinic.com



    Olemus: Working with skilled house builders from Brisbane we took our projects to a high level of performance. Our clients have the benefit of enjoying their new home with doing anything. The house builders in Brisbane are ecognized by excellent work that they have done creating exclusive and unique places to live in. You have to tell us your dreams, and with the help of our house builders from Brisbane will make it become true.
    house builders brisbane
    home builder brisbane
    home renovations Brisbane
    http://www.olemus.com.au

    RispondiElimina
  5. Rothbury Hotel: Thinking about your needs and desires we developed special services when it comes to accommodation Brisbane CBD. We offer you accommodation Brisbane CBD special packages that conceived just for you, our customers in order to choose the best. The accommodation Brisbane CBD has trained stuff that will make you journey easier and relaxing.
    brisbane hotels
    hotel accommodation brisbane
    accommodation brisbane cbd
    hotel brisbane cbd
    http://www.rothburyhotel.com.au

    Allstar Orthodontics : When you are looking for an orthodontist in Brisbane you are interested to receive the best services . Our orthodontist in Brisbane will provide the high quality services in order u to enjoy the results. Our orthodontist in Brisbane will give you a reason to smile every time you look in the mirror. With the help of the last minute technology and materials used to treat you, the orthodontist in Brisbane will guarantee the success.
    Brisbane orthodontist
    Orthodontist Brisbane
    Dental braces
    Braces for Adults
    Braces for children
    Braces for Teenagers
    http://www.allstarorthodontics.com.au

    RispondiElimina
  6. www.usi-interioare.ro : Va punem la dispozitie modele de usi interioare de unde puteti alege dupa preferinte. Imbinand tehnicile de realizare cu materile de calitate va oferim usi interioare de inalta clasa rezistente in timp. Usile interioare oferite vor completa ambientul locuintelor avand calitati deosebite de structura si aspect.
    usi de interior
    usi interioare
    usi la comanda
    http://www.usi-interioare.ro


    If you choose to get caravan insurance you should come to Aussie Leisure Loans . The caravan insurance was conceived thinking about you. Caravan insurance option will make you and your family feel safe. Even if you are careful on the roads, the accidents happen and the caravan insurance that we offer comes with protection and reliability.
    caravan insurance
    Caravan lease
    caravan finance
    caravan loans
    caravan leasing
    caravan loan calculator
    caravan loans australia
    http://www.aussieleisureloans.com.au

    RispondiElimina
  7. Aussie Boat Loans offers a wide range of products and one of them is boat insurance that provide a loan protection insurance or extended warranty. Boat insurance guaranties you the protection in case of accidental loss, damages, properties , death or injuries. Aussie Boat Loans has the enthusiastic customer service to listen to your needs in order toimprove our boat insurance service .
    boat insurance
    boat lease
    boat leasing
    boat loan interest rates
    boat finance interest rates
    boat financing
    boat loan financing
    boat loans
    boat finance
    marine finance
    boat loan calculator
    boat finance calculator
    boat loans calculator
    boat finance rates
    boat loans australia
    boat finance australia
    used boat loans
    new boat loans
    http://www.aussieboatloans.com.au

    RispondiElimina
  8. Aussie Car Loans are the experts in getting you the best deal in car finance when it comes to the purchase of a new or a used vehicle. To help the customers, Aussie Car Loans has offered for more than ten years the finance options that match to the wishes of the clients including personal car finance and business finance. Car finance option provides you a deal which will fit better to you situation
    car insurance
    car finance
    car loans for self employed
    aussie car loans
    bad credit car loan
    cheap car loans
    bad credit car finance
    second chance car loans
    car loan protection
    car loan online application
    http://www.aussiecarloans.com.au

    RispondiElimina